Archivio

Archivio per dicembre 2009

Auguri di Buone Feste

21 dicembre 2009 Alberto Nessun commento

Ciao a tutti di questi tempi tutti sono presi nel comprare regali per le festività natalizie, io non posso comprare regali per tutti voi ma vi posso fare gli auguri.
Approfittando del corso su html & php che si sta svolgendo al LUG di Gazzaniga ho scritto una piccola pagina php che mostra quanto manca a Natale e fa gli auguri

Auguri di Buone Feste

Ciao Alberto

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Categorie:Notizie Tag:

Controllo host Fedora 12 da Archlinux

20 dicembre 2009 Alberto Nessun commento

Dopo l’installazione di Fedora ho sentito il bisogno fisico di settare la connessione SSH dal mio portatile, che d’ora in poi chiamerò client, al computer di casa con Fedora 12, che d’ora in poi chiamerò server. Ho cercato un po’ in internet e ho trovato una procedura che consente di settare la connessione SSH con le chiavi crittografiche, questo è il sito: Utilizzo chiavi crittografiche con SSH.

Quello che ho dovuto fare è stato:

  1. Generare sul client la chiave pubblica e privato con il comando:

    ssh-keygen -t rsa

    ho messo la mia chiave (quella che volete), è meglio metterla e non dare subito invio, ed è stato generato il file contenente la chiave pubblica.
  2. Ho copiato il file con la chiave pubblica sul server, mettendolo nella home. Per fare questo potete usare sia scp che una chiavetta usb.
  3. Ho copiato sul server la chiave pubblica nel file che contiene le chiavi autorizzate

    cat id_rsa.pub >> .ssh/authorized_keys2

Fatto!

A questo punto la prima volta che mi sono collegato con:

ssh [email protected]_del_server

ho dovuto inserire la chiave che avevo precedentemente settato (nel primo punto dell’elenco) e ho potuto loggarmi sul server, posso lanciare comandi da shell e altre furbate varie. Ora posso fare manutenzione in remoto (dalla mia camera alla sala) :-) .

Il prossimo passo è far passare X attraverso la connessione ssh, in questo modo posso vedere il desktop remoto.

Ciao Alberto

PS1: ora sto aggiornando in remoto il sistema mentre mio papà, ignaro, controlla la posta…
PS2: ora sto rubando tutta la musica di mio fratello mentre mio papà, ignaro, controlla la posta…

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Categorie:Linux Tag:

abrt – an automated bug-reporting tool on Fedora 12

20 dicembre 2009 Alberto Nessun commento

Ciao a tutti, ieri ho installato sul computer di casa Fedora 12 Constantine eliminando la precedente Ubuntu 9.04.
Una cosa molto interessante che ho notato è il programma: abrt, qui potete trovare anche il wiki, come si legge dal sito ufficiale

The tool to help non-power users with bug reporting, making it as easy as a few mouse clicks. This version has a lot of improvements and fixes and is more user friendly.

dando i seguenti benefici alla distribuzione

Ease of bug reporting and quick response from maintainers based on info from abrt should make Fedora more stable and thus more attractive for users.
If an application crashes, the user is notified by a trayicon (or a message in a log) and a simple wizard will act as a guide through the bug reporting process. All required information is gathered automatically so bug reporting should be easy even for less experienced users.

Quindi in parole povere il suo scopo è fornire un tool semplice per riportare i bug (errori) e i crash delle applicazioni in maniera semplice, gestibile quindi anche dagli utenti inesperti, direttamente agli sviluppatori affinchè possano correggerli e rendere Fedora sempre migliore. A mio parere è una tool molto utile che può anche far capire agli utenti che si avvicinano a Linux come ognuno può dare il suo piccolo contributo per lo sviluppo di un software sempre migliore.

Adesso devo solo istruire mio papà su come utilizzarlo ;-)

Ciao Alberto

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Categorie:Linux Tag:

Un nuovo .conkyrc

14 dicembre 2009 Alberto Nessun commento

Ciao a tutti oggi pomeriggio per rilassarmi un po’ ho deciso di dare una sistematina al mio .conkyrc, per chi non lo sapesse .conkyrc è il file che viene letto da conky che come si legge dal sito

Conky is a free, light-weight system monitor for X, that displays any information on your desktop. Conky is licensed under the GPL and runs on Linux and BSD.

Girovagando per la rete ho trovato un blog: io e il mio pinguino, in cui veniva indicato come personalizzare un po’ il proprio .conkyrc. l’ho seguito e ecco il .conkyrc che ho prodotto (molto molto simile a quello che c’è in quel post)


# Create own window instead of using desktop (required in nautilus)
own_window yes
own_window_type normal
own_window_transparent yes
own_window_hints undecorated,below,sticky,skip_taskbar,skip_pager

# Use double buffering (reduces flicker, may not work for everyone)
double_buffer yes

# fiddle with window
use_spacer right

# Use Xft?
use_xft yes
xftfont Bitstream Charter L:size=9
xftalpha 0.8
text_buffer_size 2048

# Update interval in seconds
update_interval 4.0

# Minimum size of text area
# minimum_size 250 5

# Draw shades?
draw_shades no

# Text stuff
draw_outline yes # amplifies text if yes
draw_borders no
uppercase no # set to yes if you want all text to be in uppercase

# Stippled borders?
stippled_borders 3

# border margins
border_margin 9

# border width
border_width 10

# Default colors and also border colors, grey90 == #FF0000
default_color white

own_window_colour brown
own_window_transparent yes

# Text alignment, other possible values are commented
alignment top_left
#alignment top_right
#alignment bottom_left
#alignment bottom_right

# Gap between borders of screen and text
gap_x 15
gap_y 5

# stuff after 'TEXT' will be formatted on screen

# Force UTF8? note that UTF8 support required XFT
override_utf8_locale yes

TEXT
$color
${color blue}SYSTEM ${hr 2}$color
${font OpenLogos:size=18}t ${font} $nodename $sysname
${voffset 2}${font StyleBats:size=16}i${font} Kernel: ${alignr}${kernel}
${font StyleBats:size=16}A${font} CPU: ${cpu cpu}% ${alignr}${cpubar 8,60 cpu}
${font StyleBats:size=16}g${font} RAM: $memperc% ${alignr}${membar 8,60}
${font Webdings:size=16}~${font} Batteria: ${battery_percent BAT0}% ${alignr}${battery_bar 8,60 BAT0}
${font StyleBats:size=16}q${font} Uptime: ${alignr}${uptime}

${alignc 17}${font Arial Black:size=16}${time %H:%M}${font}
${alignc}${time %A %d %B %Y}

${color blue}RETE ${hr 2}$color
${if_existing /proc/net/route wlan0}
${voffset -6}${font PizzaDude Bullets:size=14}O${font} Up: ${upspeed wlan0} kb/s ${alignr}${upspeedgraph wlan0 8,60 BEBEBE 6666FF}
${voffset 4}${font PizzaDude Bullets:size=14}U${font} Down: ${downspeed wlan0} kb/s ${alignr}${downspeedgraph wlan0 8,60 BEBEBE 6666FF}
${voffset 4}${font PizzaDude Bullets:size=14}N${font} Upload: ${alignr}${totalup wlan0}
${voffset 4}${font PizzaDude Bullets:size=14}T${font} Download: ${alignr}${totaldown wlan0}
${voffset 4}${font PizzaDude Bullets:size=14}Z${font} ${wireless_link_qual wlan0}% ${alignr}${wireless_link_bar 8,60 wlan0}
${endif}

${color blue}MEMORY / DISK ${hr 2}$color
$color
ROOT : ${color #CCCCCC}${fs_used /}${color
#CCCCCC}/${color #CCCCCC}${fs_size /} ${color #CCCCCC}(${color
#CCCCCC}${fs_free /} ${fs_free_perc /}% ${color #CCCCCC} free)
${fs_bar /}$color
$color
HOME : ${color #CCCCCC}${fs_used /home/galois}${color
#CCCCCC}/${color #CCCCCC}${fs_size /home/galois} ${color
#CCCCCC}(${color #CCCCCC}${fs_free /home/galois} ${fs_free_perc
/home/galois}% ${color #CCCCCC} free)
${fs_bar /home/galois}$color

e questo è uno screen del risultato

in cui tengo sotto controllo alcuni parametri della mia Arch come CPU, RAM, batteria, vedo come si sta comportando la rete (interfaccia wireless) e lo spazio sul disco fisso sia per la partizione di root sia per quella di home.

Ciao Alberto

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Categorie:Linux Tag:

Masterizzare Immagini ISO da terminale

6 dicembre 2009 Alberto Nessun commento

Chi di voi non ha mai avuto necessità di masterizzare una iso di una distro Linux? Il modo più semplice di farlo è utilizzare il terminale.
Prima di tutto dobbiamo inserire il cd nel nostro lettore cd e, utilizzando wodim

wodim is used to record data or audio Compact Discs on an Orange Book
CD-Recorder or to write DVD media on a DVD-Recorder.

Diamo il comando

wodim -devices

per vedere quali sono i dispositivi disponibili per la masterizzazione, saranno contrassegnati da /dev/…, nel mio caso è /dev/scd0. Fatto questo spostiamoci nella cartella contenente l’immagine iso che vogliamo masterizzare e diamo il comando

wodim dev=/dev/scd0 driveropts=burnfree fs=14M speed=10 -dao -eject -overburn -v file_iso.iso

in cui comunichiamo quale deve essere il device da utilizzare /dev/scd0, voglio che mi venga mostrato l’avanzamento -v, il cd deve essere espulso conclusa la masterizzazione -eject, la velocità con la quale deve masterizzare data in KB/s speed=10, può scrivere anche un file più grande della dimensione del cd -overburn.

Se volete leggere il manuale di wodim e conoscere tutte le opzioni vi basta dare:
man wodim

Ciao Alberto

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Categorie:Notizie Tag: