Archivio

Posts Tagged ‘tutorial’

Accedere al proprio spazio su Owncloud da Nautilus

18 febbraio 2012 Alberto Nessun commento

In questo articolo ho riportato come installare Owncloud su una CentOS e oggi vorrei mostrare come è facile montare il proprio spazio su Owncloud da Nautilus (nel mio caso su una Fedora 16 x86_46). Prima di tutto dobbiamo installare il supporto a WebDav, quindi sul nostro client, nel mio caso Fedora 16, si deve dare:

sudo yum install davfs2

A questo punto in Nautilus ci basterà andare nel menù su Vai->Posizione e quindi dare il path a cui collegarsi. Nel mio caso l’installazione di Owncloud sul server è in /var/www/html/owncloud e quindi dal Client devo mettere

dav://indirizzo_server_O_dominio/owncloud/files/webdav.php

ci verrà richiesto il nome utente e la password che ovviamente saranno quelle con cui accediamo ad Owncloud dal browser.

Semplice vero :-)
Ciao Alberto

Maggiori informazioni sul supporto a Webdav possono essere trovate sulla pagina del Support Centre di Owncloud: You can access ownCloud directly via WebDAV

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Installazione Balsamiq – Adobe Air su Fedora 16 64bit

3 febbraio 2012 Alberto Nessun commento

Ciao a tutti oggi per lavoro ho installato questa applicazione Balsamiq Mockups che consente di creare con pochi click dei mockup per le applicazioni mobile per Android e iOS. Il file di installazione che ho utilizzato è quello per Adobe Air perchè per la mia Fedora non è disponibile sul sito del progetto un file di installazione in formato RPM. Sono andato a cercare un po’ in internet come fare per installare Adobe Air e ho trovato questo tutorial: Install Adobe Air on Fedora 16, il tutto è molto semplice, basta dare il seguente comando da terminale:

$ sudo yum install -y ld-linux.so.2 gtk2-devel.i686 libdbus-glib-1.so.2 rpm-devel.i686 libXt.so.6 gnome-keyring-devel.i686 libDCOP.so.4 libxml2-devel.i686 nss-devel.i686 libxslt.i686 xterm rpm-build libgnome-keyring.i686

Completato lo scaricamento e l’installazione scarichiamo il file Adobe AIR 2.6.0 Linux da 15.4 MB da questa pagina, e da terminale diamo:

$ chmod +x AdobeAIRInstaller.bin
$ sudo ./AdobeAIRInstaller.bin

Diamo alcuni click di conferma e avremo installato Adobe Air sulla nostra Fedora 16 a 64 bit. A questo punto andiamo a questa pagina e scarichiamo il file MockupsForDesktop.air.
Andiamo nel menù delle applicazioni e apriamo Adobe Air Application, scegliamo il file appena scaricato di MockupsForDesktop.air e procediamo con l’installazione, durante la quale ci verrà chiesta anche la password di root perchè tutti i file di installazione vengono messi in /opt.
Per avviare il programma è sufficiente aprire un terminale, spostarsi nella cartella cd /opt/Balsamiq\ Mockups/bin/ e dare

$ ./Balsamiq\ Mockups

Ciao Alberto

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Categorie:Linux, Notizie Tag: , ,

Libro di poesie con LaTeX

16 luglio 2011 Alberto Nessun commento

Chi di voi non ha pensato scrivere un libretto di poesie? se ci avete pensato ecco a voi un modo per farlo in modo semplice con LaTeX. Vi posto il codice sorgente del preambolo del file con i commenti:

%definisco la classe del documento
\documentclass[11pt]{book}
 
%predispongo il foglio per la stampa in formato a5
\usepackage[a5paper]{geometry}
 
%includo i pacchetti per la lingua
\usepackage[T1]{fontenc}
\usepackage[utf8]{inputenc}
\usepackage[italian]{babel}
 
%includo il pacchetto specifico per scrivere le poesie
\usepackage{verse}
 
%includo i pacchetti per la grafica come l'inserimento di immagini e testo colorato
\usepackage{graphicx,xcolor,subfig}
%in questa cartella metterò tutte le immagini che devo includere nel file
\graphicspath{{immagini/}}
 
%permette di togliere la numerazione alle pagine (volendo potete anche toglierlo)
\makeatletter
\let\ps@plain\ps@empty
\ps@empty
\makeatother 
 
%definisco il comando che mi permette di mettere le informazioni sulla poesia come 
%la data in cui è stata scritta e il luogo
\newcommand{\attrib}[1]{\nopagebreak{\raggedleft\footnotesize #1\par}}
 
% definisco l'ambiente che si preoccuperà di gestire la poesia
\newcommand{\poesia}[3]{\vspace*{\fill}%
\poemtitle{#1}%
\begin{verse}%
#2%
\end{verse}%
\attrib{#3}
\vspace*{\fill}\clearpage
}

a questo punto posso creare mettere del testo nel documento:

\begin{document}
 
\clearpage
%predispongo la pagina per la copertina
\begin{titlepage}
 
\begin{figure}[htbp]
      \centering
      \includegraphics[scale=.3]{copertina} % qui ci va il nome del fle della copertina
      %il valore scale=0.3 è da modificare a seconda della dimensione dell'immagine
\end{figure}
 
\begin{center}
\begin{LARGE}
\textsc{\textbf{Titolo}}
\end{LARGE}
 
\begin{flushleft}
\vspace*{1 cm}\hspace{3.0 cm}\LARGE Autore\\
\end{flushleft}
 
\end{center}
\end{titlepage}
 
%pagina in cui mettere ringraziamenti, motivazioni, etc
\section*{Intro}
\newpage
 
%il titolo della poesia deve avere tutte le caratteristiche del titolo delle sezioni
\renewcommand{\poemtoc}{section}
 
%utilizzo l'ambiente poesia che ho creato prima
\poesia{Titolo}
{Primo verso prima strofa\\
secondo verso prima strofa\\
terzo verso prima strofa
 
primo verso seconda strofa\\
secondo verso seconda strofa\\
terzo verso seconda strofa\\
}{Luogo, data}
 
\end{document}

In questo modo ogni poesia verrà messa su una pagina singola e sarà centrata in verticale… e ora non dite che scrivere documenti con LaTeX è difficile.

Ciao Alberto

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)
Categorie:LaTeX, Notizie Tag: , ,

Connettere Acer Iconia A500 e Fedora 15 via USB

13 giugno 2011 Alberto Nessun commento

Ciao a tutti ieri pomeriggio sono riuscito finalmente a collegare il mio nuovissimo Acer Iconia A500 a Fedora 15 attraverso il cavo USB fornito nella confezione. In questo modo posso trasferire direttamente i file dal pc al tablet e viceversa senza dover passare da una chiavetta/disco USB.

Voi direte: ma non basta collegare il cavo al pc?
Risposta: no.

Con Android Honeycomb per far dialogare il tablet con Linux serva il supporto per MTP (media transfer protocol), girando un po’ per la rete ho trovato questi due post:

e ho deciso di scrivere una piccola guida per far funzionare la connessione USB su Fedora 15.

Prima di tutto dobbiamo installare tutte le dipendenze che serviranno in fase di compilazione:

sudo yum install gcc-c++ gcc
sudo yum install libmtp libmtp-devel libnjb libnjb-devel
sudo yum install libid3tag libid3tag-devel glib2 glib2-devel fuse fuse-libs fuse-devel libmad libmad-devel

Scarichiamo il pacchetto mtpfs_0.9.orig.tar.gz da www.adebenham.com/mtpfs/, in rete c’è anche il pacchetto per Fedora ma a me non funziona. Una volta scaricato scompattiamolo con il comando:

tar -xzf mtpfs_0.9.orig.tar.gz

spostiamoci nella cartella creata:

cd mtpfs-0.9.orig

e diamo in sequenza:

./configure
make
sudo make install

creiamo una cartella dove verrà montato il disco interno del tablet:

sudo mkdir /mnt/acerIconia
sudo chown kato:kato /mnt/acerIconia

creiamo un file chiamato acerIconiaMount nella cartella /usr/bin e aggiungiamo la riga:

mtpfs -o allow_other /mnt/acerIconia

diamo i permessi di esecuzione con:

sudo chmod a+x acerIconiaMount

A questo punto riavviamo. Una volta riavviata Fedora, colleghiamo l’Acer al PC e diamo da terminale:

/usr/bin/acerIconiaMount

e spostiamoci nella cartella /mnt/acerIconia per accedere alla memoria interna del nostro tablet. Per smontare il disco interno dell’Acer è possibile creare un file acerIconiaUmount, sempre nella cartella /usr/bin e mettere le righe:

fusermount -u /mnt/acerIconia

dargli i permerssi di esecuzione con:

sudo chmod a+x acerIconiaUmount

e quando vogliamo smontare il disco interno dell’Acer ci basterà dare da terminale:

/usr/bin/acerIconiaUmount

Semplice no ;-)

Ciao Alberto

PS: con semplici modifiche è possibile adattare la guida ad una qualsiasi distribuzione GNU/Linux.

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Me and my Acer Iconia A500

11 giugno 2011 Alberto Nessun commento

Ciao a tutti questa settimana ho acquistato un Acer Iconia A500 con sistema operativo Android 3.0 Honeycomb. Le caratteristiche del mio terminale sono:

  • Sistema operativo: Android 3.0 Honeycomb
  • Processore: NVIDIA Tegra 250 dual-core Cortex A9, 1 GHz
  • Memoria flash: 16 Gb
  • Memoria RAM: 1 Gb
  • Schermo: 10,0″ WXGA TFT 262K LCD
  • Fotocamera posteriore: 5 megapixel con messa a fuoco automatica e flash led
  • Fotocamera anteriore: 2 megapixel
  • GPS
  • Wi-Fi 802.11 b/g/n (solo 802.11n 2.4 GHz)
  • Bluetooth 2.1 + EDR
  • Slot per scheda microSD
  • Batteria: polimeri di litio ricaricabile da 3260 mAh x 2 (24,1Wh)
  • Uscita Dolby Mobile/HDMI
  • Dimensioni: 260x177x13,3 mm

Il contenuto della confezione è piuttosto scarno: panno per pulire lo schermo, alimentatore, cavo mini USB e ovviamente il tablet (più manuali vari)

Il tablet mi ha sorpreso tantissimo, facilità di utilizzo incredibile, prestazioni favolose con i giochi installati di default. Android 3.0 Honeycomb è ancora un po’ giovane, non sono state ancora scritte tante applicazioni (in realtà sono abbastanza poche) ottimizzate per lo schermo dei tablet ma secondo me si hanno delle prospettive di sviluppo incredibili. Per ora le applicazioni ottimizzate per il tablet e che ho provato sono Gmail, Newsr, TweetComb, Qello, DrawFree, ezPDF Reader, Quickoffice Pro HD, File Manager HD. Il fine ultimo di questo acquisto è quello di sostituire il portatile, come navigazione/news/musica/film ci potrei riuscire in tempi molto brevi ma la strada sarà lunga e ci sono alcune cose che ad un informatico mancano, venendo da quattro anni di solo linux alcune cose non sono facilmente rimpiazzabili (terminale, repository, installazione di ogni tipo di programma, programmi per lo sviluppo di applicazioni) ma capisco perfettamente che non sono proprio “tagliate” per un tablet.

Purtroppo ora ho finito l’università e riprenderò a ottobre quindi il test con appunti e altro lo devo rimandare ma da qualche prova che ho fatto a casa dovrebbe essere molto comodo (l’applicazione ezPDF Reader permette di modificare i PDF aggiungendo del testo, delle note a margine, sottolineare, cerchiare). Adesso voglio provare come è leggere un libro intero e collegare il tablet al televisore con la porta HDMI (ho dovuto comprare a parte il cavo da micro HDMI a HDMI perchè non viene incluso nella confezione).

Ecco alcune immagini

Vista frontale


Vista retro


Fotocamera posteriore

A breve farò un post su come abilitare il collegamento tra PC con GNU/Linux e l’Acer attraverso il cavo usb fornito in dotazione nella confezione.

Ciao Alberto

PS: questo post è stato scritto utilizzando l’applicazione per WordPress di Android direttamente dall’Acer Iconia A500 :-)

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)